WorldCat Identities

Jacquet, Marie Thérèse

Overview
Works: 31 works in 84 publications in 2 languages and 688 library holdings
Genres: Criticism, interpretation, etc  Humor  Dictionaries  Drama 
Roles: Author, Editor, Author of introduction, Other
Classifications: PQ2246.D5, 847.8
Publication Timeline
.
Most widely held works by Marie Thérèse Jacquet
Les mots de l'absence, ou, Du "Dictionnaire des idées reçues" de Flaubert by Marie Thérèse Jacquet( Book )

8 editions published in 1987 in French and held by 146 WorldCat member libraries worldwide

Le bruit du roman : le Père Goriot, Madame Bovary, Germinal by Marie Thérèse Jacquet( Book )

6 editions published in 1995 in French and Italian and held by 100 WorldCat member libraries worldwide

La giostra dei sentimenti by Wolfgang Asholt( )

2 editions published in 2017 in French and held by 93 WorldCat member libraries worldwide

La tela di fondo su cui si rappresenta la gamma dei sentimenti sembra mostrare che i territori dell'arte e quelli della letteratura implichino uno spazio di energie in continua tensione, sottoposto ad una trasformazione imprevedibile e ad un continuo scontro tra sentimenti e negazione dei sentimenti. I sentimenti, nella loro audace presenza, paiono diventati degli affidabili segnatempo, riconoscibili nella scrittura, anche attraverso le continue oscillazioni che si riscontrano nel posizionamento della materia artistica e letteraria, questa materia particolare, incompressibile, che sembra estendere la propria influenza nel campo dell'arte, restituendo all'arte la sua dimensione umana e agli uomini una più ampia e profonda sensibilità. I sentimenti, nella loro forma trascritta in arte, appaiono oramai per quel che sono: un'energia sotterranea che produce autenticità creativa e rende credibile la finzione e la giustifica, ne fa uno strumento di immedesimazione e, quindi, di una possibile liberazione. Testi di Wolfgang Asholt, Jeanne Benameur, Nicole Caligaris, Marc Dambre, Giusi Alessandra Falco, Sylvie Gouttebaron, Valeria Gramigna, Hélène Jaccomard, Marie Thérèse Jacquet, Isabelle Jarry, Alexis Jenni, Fred Le Chevalier, Bertrand Leclair, Matteo Majorano, Jochen Mecke, Marika Piva, Ida Porfido, Gerald Prince, Michael Sheringham, Maîté Snauwaert, Marinella Termite, Dominique Viart, Ornela Vorpsi. Matteo Majorano è professore di Letteratura francese presso l'Università di Bari. Di formazione classica, si interessa, a partire dal 1990, di letteratura del presente ed è tra i primi ad introdurre, in Italia, la disciplina dell'extrême contemporain. Per promuovere questi studi ha creato, nel 2001, la collana “Margini critici” e, dal 2012, con Gianfranco Rubino, dirige la collana “Ultracontemporanea”, osservatorio delle scritture attuali
Les chemins de Pierre Bergounioux by Sylviane Coyault( )

8 editions published between 2016 and 2018 in 3 languages and held by 66 WorldCat member libraries worldwide

S'interroger sur le monde, en inventant de nouveaux instruments pour le dire et le penser, constitue l'inquiétude féconde qui nourrit les jours de Pierre Bergounioux. Auteur emblématique d'une certaine littérature française contemporaine, il fait de celle-ci un outil d'investigation apte à saisir les mystères de l'existence, à partir de la mémoire pour activer un imaginaire redécouvrant la complexité de l'homme face à son présent. Les contributions ici rassemblées construisent un itinéraire qui vise tant à relire la partie la plus narrative de l'oeuvre qu'à en analyser les enjeux réflexifs qui côtoient le vécu quotidien et mettent la voix même de l'écrivain à l'épreuve de l'écriture
Trois contes ou plus by Marie Thérèse Jacquet( Book )

6 editions published in 1999 in French and Italian and held by 63 WorldCat member libraries worldwide

Dictionary of accepted ideas by Gustave Flaubert( Book )

7 editions published in 1990 in French and Italian and held by 63 WorldCat member libraries worldwide

An English translation of "Dictionnaire des idées reçues", a postumous publication of Flaubert's collection of overheard comments, "the cliché, the platitude, the borrowed and unquestioned idea", "absurdities", "half-truths, and social lies." "[A] very contemporary self-portrait of the middle-class philistine, a species as much alive today as when Flaubert railed against him"--P. 4. of cover
Le sentiment végétal : feuillages d'extrême contemporain by Marinella Termite( )

5 editions published between 2014 and 2017 in French and held by 47 WorldCat member libraries worldwide

Pourquoi faire pousser un imaginaire végétal à l'époque de la rapidité et de l'immédiateté ? Comment échapper aux pièges du virtuel et rendre solide la précarité ? Loin d'une approche descriptive, symbolique ou fonctionnelle, la reconfiguration des ressources du végétal dans les lignes des écrivains d'aujourd'hui interroge de près le littéraire. Le sentiment végétal fleurit là où le vivant en danger ne peut se mettre à l'abri qu'en revenant au plus près de sa source. De l'herbier au bouquet, sans négliger l'impact avec les clairières, cette résistance met à l'épreuve la main verte de toute écriture. Elle explore sa capacité d'herboriser pour toucher l'authenticité de l'essentiel, garantie de la profondeur, propre au littéraire
Fiction Bergounioux : de Catherine à Miette by Marie Thérèse Jacquet( Book )

5 editions published in 2006 in French and held by 24 WorldCat member libraries worldwide

Papier-villes by Marie Thérèse Jacquet( Book )

4 editions published in 2008 in French and held by 17 WorldCat member libraries worldwide

Le bruit du roman : le Père Goriot, Madame Bovary, Germinal by Marie Thérèse Jacquet( Book )

6 editions published in 1995 in French and held by 10 WorldCat member libraries worldwide

Il ritorno dei sentimenti by Matteo Majorano( )

2 editions published in 2017 in Italian and held by 9 WorldCat member libraries worldwide

Un "fantasma" sembra aggirarsi nella letteratura francese a partire dagli anni Cinquanta del Novecento e pare destinato a rimanere tale per mezzo secolo, con una latente e, poi, dagli anni Ottanta, con una più riconoscibile capacità di produrre nuove forme o nuovi contesti letterari. Il "fantasma dei sentimenti" da tempo attraversa inquieto le pagine della narrativa, finzionale o autofinzionale, di Francia. Alcuni potrebbero, d'altronde, ipotizzare che questo "spettro" sia stato una presenza attiva, un fermento vitale, seppure dapprima minoritario, sotterraneo e sommesso (ma, forse, neppure troppo clandestino), anche nel periodo più ostile all'espressione in letteratura dei sentimenti. L'inversione di tendenza, nel romanzo francese di questo primo decennio del XXI secolo, appare sempre più netta e riconoscibile e finanche, talvolta, egemonica, se non eccessiva, come spesso succede, quando l'albero è stato troppo piegato, in precedenza, con corde cerebrali e funi ideologiche, nella direzione opposta a quella genetica e costitutiva della scrittura. Quando, come e perché è iniziata questa "riapparizione" dei sentimenti nel romanzo? In quali esperienze significative di scrittura si è espressa e quali sono le varianti narrative che si sono imposte? Quali sono i rischi che il romanzo francese contemporaneo corre quando la ricerca e l'espressione dei sentimenti si fa, come accade oggi, in maniera tumultuosa e incontrollata, con una forte esigenza di originalità che ne temperi i rischi insiti nel sentimentalismo? È possibile una letteratura dell'equilibrio, una letteratura che possa vivere senza l'eccesso, una letteratura senza esasperazione, o per dirla diversamente uno spazio letterario liberato da questa eredità e, dunque, propositivo? Perché il sentimento, anche quello più esacerbato, resta anche un punto di equilibrio tra la leggerezza dell'emozione e la gravità della passione, che porta pure lo stesso nome
Nuove solitudini : mutamenti delle relazioni nell'ultima narrativa francese by Philippe Adam( )

1 edition published in 2017 in Italian and held by 8 WorldCat member libraries worldwide

La letteratura – come del resto tutte le forme artistiche – è capace di far emergere aspetti oscuri dell’esperienza umana, trasformandoli spesso in risorse vitali. Così è anche per la solitudine, condizione particolare attraversata da ogni individuo: le solitudini sono tante, almeno quante sono le esperienze umane chiamate a riempire le pagine dei romanzi. Una presunta ala “nobile” della solitudine è quella concettuale, che coesiste con una seconda, poco “aristocratica”, anzi plebea, che comprende uno straordinario e variegato catalogo: solitudini quotidiane, disperate, a volte piccole, altre infinite. Così, almeno fino a qualche tempo fa, si è presentata la solitudine nella letteratura, e nella letteratura francese in maniera più marcata. Ma cosa accade oggi tra le carte del romanzo? Cosa è cambiato nella presenza di questa materia, incandescente e glaciale? La solitudine la si guadagna e la si difende, senza nemmeno più la ragione forte di essere artista? E se la solitudine non fosse né bella né brutta, ma solo umana, senza drammi e senza gloria? Se non fosse più un elemento di distinzione per nessuno, ma solo uno spazio reale della vita di ciascuno, quando la vita non ha più bisogno di finzioni? Il volume, mettendo a fuoco queste domande, prova a tracciare delle risposte, affronta casi specifici e, nel suo complesso, rappresenta una chiave d’accesso ad un tema cruciale della letteratura contemporanea, francese e non solo
L'incoerenza creativa nella narrativa francese contemporanea by Giusi Alessandra Falco( )

1 edition published in 2018 in French and held by 7 WorldCat member libraries worldwide

Se la letteratura costituisce un rifiuto coraggioso e irrinunciabile delle facili banalizzazioni e delle semplificazioni di comodo, se la letteratura contraddice la pigrizia dei luoghi comuni, se la letteratura è svelamento e apocalisse, allora l’incoerenza, cioè la contraddizione della linearità e della progressione infinita, confortante ma irreale, assume la sua giusta dimensione: quella di un nucleo di energia artistica inesauribile, incontenibile, insopprimibile, caotica almeno quanto caotica è la vita, ma autentica e affidabile. Se le pagine dei romanzi riproducono in narrazione e scrittura il disordine, l’incoerenza che ci circonda, potremmo aprire con più fiducia gli occhi sul buio e, in questo modo, conoscere più a fondo le nostre vite, esprimendo, forse, un giudizio meno severo sulle nostre piccole storie confuse. E l’incoerenza così diventerebbe qualcosa che ancora non vogliamo ammettere: una risorsa del romanzo, forse quella estrema, e un nostro talismano contro la sorte
Face a l'autre : dossiers d'expressions francaises : niveau 2 by Giovanni Dotoli( Book )

3 editions published between 1985 and 2000 in French and Italian and held by 6 WorldCat member libraries worldwide

Vers la dernière ligne by Marinella Termite( Book )

2 editions published in 2006 in French and held by 6 WorldCat member libraries worldwide

Face a face : dossiers d'expressions francaises : niveau 2 by Giovanni Dotoli( Book )

2 editions published in 1984 in French and held by 4 WorldCat member libraries worldwide

Trois contes ou plus by Marie Thérèse Jacquet( Book )

1 edition published in 1999 in French and held by 3 WorldCat member libraries worldwide

Le bon francais : grammaire a l'usage des etudiants italiens by Memy Bevilacqua( Book )

2 editions published between 1992 and 1998 in French and held by 2 WorldCat member libraries worldwide

Fiction Bergounioux : de Catherine à Miette by Marie Thérèse Jacquet( Book )

1 edition published in 2006 in French and held by 2 WorldCat member libraries worldwide

Face à l' autre : de la langue à la civilisation : le français du niveau 1 by Giovanni Dotoli( Book )

1 edition published in 1995 in French and held by 2 WorldCat member libraries worldwide

 
moreShow More Titles
fewerShow Fewer Titles
Audience Level
0
Audience Level
1
  Kids General Special  
Audience level: 0.75 (from 0.54 for Face a fac ... to 0.98 for Face a fac ...)

Alternative Names
Thérèse Jacquet, Marie

Languages
French (64)

Italian (8)